I finanziamenti a fondo perduto sono dei contributi in conto capitale che vengono concessi alle imprese di nuova costituzione.

Lo stesso vale per le imprese che – per loro caratteristiche – sono considerate meritevoli di particolari attenzioni, al fine di consentire alle stesse di poter perseguire una strada di celere sviluppo, mediante l’elargizione di capitale, appunto, “a fondo perduto”, che non prevede un piano di rimborso predeterminato, né la corresponsione di interessi.

finanziamentiPer la loro particolare natura, i finanziamenti a fondo perduto vengono erogati da parte di enti pubblici o società partecipate dagli enti pubblici, per il tramite di istituti di credito convenzionati.
Sempre per i motivi di cui sopra, i soggetti che erogano i finanziamenti a fondo perduto saranno fondamentalmente gli enti europei, statali, regionali e comunali, con gli ultimi tre che agiranno – di norma – all’interno di una matrice stabilita dall’Unione Europea.
La prima macro categoria di soggetti beneficiari dei finanziamenti a fondo perduto sono i neo imprenditori: le imprese in fase di start up (cioè di primo sviluppo) necessitano di supporti finanziari spesso molto elevati, scarsamente integrati dai ricavi iniziali dell’attività di riferimento.

Per questo motivo, una buona parte dei bandi disciplinanti l’erogazione dei finanziamenti a fondo perduto si rivolge proprio ai nuovi imprenditori, fornendo loro gli strumenti utili per realizzare le prime tappe del proprio percorso di crescita.
Una seconda macro categoria particolarmente interessata dalla disciplina dei finanziamenti a fondo perduto è quella dei giovani imprenditori: nel corso degli anni numerosi bandi per i giovani under 35 sono stati licenziati dall’Unione Europea, e hanno costituito una utile base di sviluppo per le ambizioni dei neo imprenditori.
Ancora, molti bandi sui finanziamenti a fondo perduto hanno interessato l’imprenditoria femminile, permettendo a migliaia di imprese “rosa” italiane di potersi costituire e di poter lanciare nuove fasi della propria crescita economico finanziaria.
Infine, i finanziamenti a fondo perduto vengono spesso rivolti a imprese di alcune determinate aree territoriali (specialmente, quelle più svantaggiate in termini di competitività e di reperimento di risorse finanziarie), nell’auspicio che possano contribuire a divenire volano per l’economia locale.
Quelli che, comunemente, vengono chiamati finanziamenti a fondo perduto CEE, sono l’insieme dei finanziamenti per attività imprenditoriali di varia natura, oggi erogati sulla base dei Fondi Strutturali Europei.
In linea di massima, possiamo ricordare come il mondo dei finanziamenti a fondo perduto CEE sia estremamente vario e, pertanto, di difficile sintesi. Al loro interno una quota fondamentale è tuttavia rappresentata dai finanziamenti legati ai FESR (Fondi Europei Strutturali di Sviluppo Regionale), fondi che finanziano la realizzazione di infrastrutture e di investimenti utili per poter incrementare l’occupazione nelle imprese, erogati attraverso le regioni mediante l’emissione di bandi pubblicati in base alle esigenze territoriali; per maggiori informazioni è pertanto necessario e sufficiente consultare i siti delle regioni di appartenenza.
Altro ramo di finanziamento agevolato particolarmente importante è relativo ai Fondi Sociali Europei, destinati principalmente alla formazione e all’istruzione. Merita un cenno anche il FEARS, il Fondo finanziario dell’Unione Europea, che stabilisce le norme comunitarie per i finanziamenti destinati ai terreni agricoli. Si chiama invece PSR (Piano di Sviluppo Rurale), lo strumento attraverso il quale ogni regione eroga i fondi comunitari per poter migliorare il settore agricolo e forestale.
Per quanto attiene i finanziamenti erogati su fondi europei, è bene altresì ricordare come il tutto avvenga all’interno del regime c.d. “de minimis”, una semplificazione che la Commissione Europea ha previsto per poter agevolare e autorizzare i finanziamenti alle pmi. Le agevolazioni concedibili nei confronti delle imprese sono cumulabili, a patto che non superino i limiti del de minimis, stabiliti da normativa europea.
Alla luce di quanto sopra esposto, ricordiamo che per poter disporre di maggiori informazioni sui finanziamenti europei sarà sufficiente consultare periodicamente i siti internet delle regioni (attraverso cui passano gran parte dei finanziamenti europei) e il sito internet dell’Unione Europea, oltre a quelli delle singole Camere di Commercio territorialmente competenti.
FOR.MA. Consulting, in sinergia con strutture che da anni operano nel settore della ricerca dei “Contributi Finanziari” offre ai propri Clienti, verificata la loro situazione finanziaria, l’opportunità di ricercare sul mercato la disponibilità di risorse finanziarie più adatte alle loro esigenze.

Trovata la fonte di finanziamento adatta all’esigenza specifica dell’Azienda, seguiamo l’iter fino all’ottenimento del contributo, sia esso a fondo perduto sia a tasso agevolato

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare sul sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi